post

Tra i vini più conosciuti e apprezzati d’Italia, il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato è sicuramente anche uno dei vini più versatili e capaci di abbinarsi perfettamente a numerosi piatti. Che ne dici di un aperitivo con un bicchiere di Prosecco di Valdobbiadene Millesimato accompagnato da stuzzichini e affettati, oppure a di buon pasto a base di risotto con l’accostamento di un buon Valdobbiadene per esaltarne il sapore? L’incredibile versatilità di questo vino, i suoi profumi e il sapore delizioso lo rendono una presenza fondamentale sulla tavola degli italiani, alleato sopraffino durante i momenti di convivialità.

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: le tipologie principali

Il Prosecco è un vino bianco a Denominazione di Origine Controllata (DOC) prodotto in Veneto e in Friuli-Venezia Giulia. Ha conseguito nel 2009 la denominazione di origine controllata (DOC), incrementando la qualità. In alcune zone il vino ha assunto anche il marchio DOCG, simbolo di un’ulteriore garanzia certificata, come ad esempio il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene e il Prosecco Montello e Colli Asolani. Accade anche che in un’annata particolarmente favorevole il viticultore può decidere di non destinare le uve raccolte, all’assemblaggio di vini-base ma decide, quindi, di creare un vino con uve di una sola vendemmia. In questo caso si parlerà di Vino Millesimato. Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato DOCG, prodotto nel trevigiano, è quindi sicuramente uno dei vini con maggiore garanzia di alta qualità. Il Prosecco è ottenuto a partire dall’uva Glera. Un tempo si raccoglieva l’uva e si faceva fermentare come la maggior parte dei vini ottenendo un vino tranquillo (senza bollicine). Accadeva però che in certe annate con inverni freddi e primavere calde, il vino fermentasse una seconda volta dando origine alle bollicine. Oggi la gran parte del Prosecco si ottiene con una fermentazione in autoclave che ne preserva la fragranza ed i profumi. Tuttavia esiste anche un Prosecco storico (fino agli anni 60) che si chiama ‘col fondo’ ed è ottenuto con la rifermentazione in bottiglia. Esistono poi i Prosecchi fermi ai quali si aggiunge l’anidride carbonica. Le principali tipologie di Prosecco di Valdobbiadene Millesimato dunque sono essenzialmente tre: Spumante, Frizzante e Tranquillo, a seconda dell’effervescenza. In tutti i casi si tratta di un vino dal colore paglierino, dal profumo fine e sapore fresco. Ma vediamone le caratteristiche essenziali.

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Spumante
È il simbolo della denominazione e il più famoso, ha un’effervescenza persistente e un titolo alcolometrico volumico naturale di 11,0% vol. In base al contenuto di zucchero è suddiviso a sua volta in:
BRUT, o secco, il cui contenuto di zucchero è inferiore a 12 g/litro, con un sapore pieno, leggermente acidulo e fruttato;
EXTRA DRY, gusto secco arrotondato da una lieve nota dolce, il cui contenuto di zucchero è compreso tra 12 e 17 g/litro, con un sapore più morbido rispetto al BRUT;
DRY, appena poco dolce, il cui contenuto di zucchero è compreso tra 17 e 32 g/litro.

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Frizzante
È adatto per chi non ha grande esperienza di vini. Il suo gusto, molto giovane, incontra le esigenze di chi si avvicina a questa qualità di vino. Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Frizzante è un vino leggero e asciutto, con il suo caratteristico colore giallo paglierino e un aroma intriso di note floreali e fruttate.
Viene spesso proposto come aperitivo e va degustato tra gli 8 e i 10 C°.

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Tranquillo
Nella versione ‘tranquilla’ del Prosecco di Valdobbiadene Millesimato, ovvero quella che prevede l’assenza di bollicine, il colore del vino risulta più carico rispetto alle versioni mosse mentre l’aroma appare invece meno espressivo e impattante rispetto a queste (l’assenza dello zucchero si fa sentire). Un prodotto è versatile e in grado di regalare la soddisfazione della sete immediata che pochi altri vini bianchi sono in grado di dare.

Prosecco

 Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: con l’aperitivo

Quale miglior modo per rilassarsi passando un po’ di tempo con amici o colleghi se non godendosi un bel tramonto con un buon aperitivo a base di vino e qualche stuzzichino di accompagnamento?
Negli ultimi anni l’aperitivo è diventato un appuntamento soprattutto primaverile/estivo che migliora le giornate di moltissimi italiani, soprattutto nel fine settimana. Il momento dell’aperitivo, o happy hour, è una pratica che è andata sempre più perfezionandosi con il tempo. Ad accompagnare la bevanda (che sia più o meno alcolica o analcolica), ritroviamo una vasta offerta gastronomica, che va dalle tipiche patatine o noccioline, a qualcosa di più vario e ricercato come bruschette, affettati, formaggi e altre delizie per il palato. Così come gli stuzzichini, anche la scelta delle bevande si è mossa verso il cambiamento. Non tutti infatti amano cocktail con gradazioni troppo alte, motivo per cui la scelta ricade ormai sempre più spesso sul famoso spritz o sui vini freschi e giovani. Dunque tra i più quotati ritroviamo sicuramente il Prosecco, molto adatto per la sua peculiarità ad essere adatto all’aperitivo. Soprattutto nella sua versione Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Spumante, le sue bollicine caratteristiche si sposano molto bene con qualsiasi tipo di stuzzichino, sia esso dolce che salato e ne esaltano le caratteristiche gustoso-olfattive. Per via del suo sapore leggero e fruttato, il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Spumante Brut lo si può bere anche da solo accompagnato da un’oliva. Molto in voga, anche per il suo prezzo maggiormente accessibile, un bicchiere di Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Frizzante è utilizzato sempre più spesso durante l’orario aperitivo. Anche un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Tranquillo, grazie al gusto particolarmente fresco e “morbido”, e alle sue note fruttate, si affianca ottimamente a formaggi non stagionati, a focacce e ad altri diversi stuzzichini.

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: con l’antipasto

Il vino bianco come risaputo, va a braccetto con il pesce. Se si parla di antipasto sicuramente il pesce diventa spesso un must. Puoi svariare molto nella preparazione, dalle alici marinate all’insalata di mare, dalle cozze alla marinara al carpaccio di polpo e accompagnare con un bicchiere di Brut per permettergli di esprimersi al meglio, oppure da un bicchiere di Prosecco di Valdobbiadene Millesimato DOC FrizzanteProsecco di Valdobbiadene Millesimato Brut che si abbinerà perfettamente anche con un semplice antipasto a base di gamberetti o con del carpaccio di tonno e sarà perfetto con dei crostini imburrati e salmone (dato che le bollicine sgrassano). Le bollicine del Prosecco  di Valdobbiadene Millesimato sono ottime anche con i salumi, soprattutto quelli dal gusto più armonioso, come prosciutto cotto e mortadella. Meglio evitare invece gli abbinamenti con prosciutti più speziati, così come con formaggi erborinati o troppo stagionati.

: pesce crudo, salumi
No: prosciutti speziati, formaggi erborinati o stagionati

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: con i primi

Quando si passa ai primi, come non pensare ad un piatto di pasta o ad un buon risotto? Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato è un alleato perfetto per abbinarsi a tante tipologie di primi piatti. Ottimo con tanti tipi di verdure, il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Brut si esprimerà bene nei risotti alle verdure. Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Dry asseconderà le note fruttate di piatti aromatizzati come ad esempio le minestre di legumi. Per gli amanti della pasta si consigliano dei rigatoni al salmone e pomodorini che possono essere arricchiti proprio dalla presenza di un bicchiere di bollicine. Un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Brut, in quanto molto indicato per il pesce, può essere l’ideale con dei primi piatti come gli spaghetti alle vongole o i risotti ai frutti di mare.

Si: risotti alle verdure, risotti ai frutti di mare, paste con pesce, minestre
No: paste con sughi speziati

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: con i secondi e i contorni

Come già detto il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato si abbina perfettamente con moltissime varietà di pesce, dunque è il massimo con dei secondi come i filetti di orata o spigola, i molluschi dolci come le capesante e i crostacei, come i gamberi e gli scampi. Bene anche con polpo con patate, aragosta e sedano. Un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Extra Dry ti stupirà accanto al un pasce al forno o alla griglia. Abbinandosi anche alle verdure, il Prosecco è molto adatto anche ai contorni, per esempio a base di ortaggi verdi come zucchine o spinaci. Si può accostare benissimo anche a contorni come gli asparagi o il radicchio trevisano. I sapori amarognoli di questi due ortaggi, tipici della stessa zona di produzione del Prosecco di Valdobbiadene Millesimato, troveranno un gradevole contrasto con gli aromi del vino. Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Dry può accompagnare i secondi a base di carne bianca e il sapore dei formaggi freschi. È molto adatto per esempio a dei piatti delicati come pollo o tacchino lessato con maioneseGli arrosti invece devono essere gustati con un bicchiere dal sapore intenso e corposo, come ad esempio un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Frizzante.

Si: filetti di pesce, molluschi dolci, crostacei, pesce al forno e alla griglia, ortaggi verdi e non, carne bianca, formaggi freschi, arrosti
No: carne rossa, formaggi stagionati

Il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato: con il dolce

Per poter abbinare bene il vino ai dolci è necessario conoscerli bene entrambi per non rischiare di commettere errori. Un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Spumante si può abbinare ai dessert, facendo attenzione a seguire delle regole chiare. Abbinare il dolce al Prosecco significa conoscere la tipologia di spumante che si vuole servire a tavola: la pasta sfoglia e le crostate a base di frutta, sono ottime accanto alle versioni Dry. Questo tipo di spumante va servito fresco, a circa sette gradi e versato in calici non eccessivamente larghi ma neppure troppo stretti. Un Prosecco di Valdobbiadene Millesimato Dry o Extra-Dry si abbina molto bene anche con biscotti e pasticceria secca (senza creme).

Si: frutta fresca, biscotti e pasticceria secca
No: creme e gelati

ProseccoSe vuoi assaggiare i migliori vini trevigiani scopri di più sul sito: http://ristoranteterrazze.com/index.aspx
Se vuoi visitare le incantevoli colline di Valdobbiadene invece visita il sito: http://leterrazzehr.it/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *