post

Pokemon in mostra a Milano

Pokemon in mostra, tutti a Milano per celebrarne i 20 anni.

Cavalcando l’onda del grande successo avuto dalla nuova avventura firmata Pokemon, ossia Pokemon-Go, un gioco in realtà aumentata che ha conquistato grandi e piccini, si terrà per tutto il settembre 2016 una mostra dedicata ai mostriciattoli più amati del mondo dei fumetti. I Pokemon in mostra a Milano, quindi, per tutti gli amanti del genere e gli appassionati di videogiochi e fumetti.

Pokemon in mostra a Milano

Pokemon in mostra a Milano

Dal 1 settembre al 2 ottobre la mostra sarà visitabile gratuitamente presso WoW Spazio fumetto, in viale Campania 12, in onore dell’anniversario della loro nascita.
I pokemon, infatti, creati dalla mano di Satoshi Tajiri e Ken Sugimori nel lontano 1996, compiono quest’anno 20 anni.
A partire dal primo videogioco, dalle nuove e numerose versioni, fino ad arrivare al cartone animato, ai lungo metraggi e a Pokemon Go. Questa realtà si è sempre trasformata e ha sempre seguito le nuove tendenze, ha accompagnato l’infanzia di ormai due generazioni senza diventare mai ripetitivo e banale.

Nella mostra gli appassionati potranno avere notizie sulla nascita dei Pokemon ma anche sul design di ognuno di essi, come sono stati ideati e come sono cambiati nel corso del tempo.
Non mancheranno le parti dedicate al cartone animato e ai lungometraggi, con curiosità, aneddoti e novità. Sarà possibile vedere locandine, gadget, pupazzi, tutto ciò, insomma, che è nato attorno a questo fenomeno di portata mondiale, attorno a questa Pokemania che impazza da ormai due decenni.

Un luogo strategico per raggiungere facilmente Milano e avere un alloggio comodo e rilassante, è il Palace Hotel di Crema, un Hotel a  3 stelle con tanti servizi e tutte le comodità per soddisfare le tue esigenze. Crema è una città tranquilla ed interessante, ad appena 30km da Milano e collegata in modo eccellente con la grande città, ma molto più sicura e meno caotica.

Pokemon in mostra a Milano

Pokemon in mostra a Milano

post

Tiramisù alla frutta, sperimenta col gusto

Il tiramisù alla frutta è una variante fresca e golosa del tiramisù classico, adatto ai mesi più caldi.

Una variante estiva e fresca al classico tiramisù è il tiramisù alla frutta. Il sapore è più dolce e meno pesante. È preferibile preprarlo con frutta fresca di stagione. La ricetta qui proposta, ossia il tiramisù alla fragola, può subire variazioni, così da utilizzare la frutta che avete a disposizione. Scatenate la vostra immaginazione e creatività e date vita a nuove e gustose varianti.

Ingredienti (per 4 persone):

300g di fragole

3 uova

250g di mascarpone

60g di zucchero

250g di savoiardi

succo d’arancia

Preparazione:

E’ consigliabile preparare il tiramisù alla frutta la sera prima di servirlo e conservato in frigo. Per prima cosa bisogna procedere alla preparazione della crema. In una ciotola procedete prima a mischiare i rossi delle uova con lo zucchero. Poi aggiungete il mascarpone e i bianchi montati a neve e mescolate delicatamente dal basso verso l’alto. Quando avrà raggiunto una consistenza cremosa, lasciatelo riposare.

Versate il succo d’arancia in un piatto fondo e prendete una pirofila in vetro. Inzuppate i savoiardi nel succo d’arancia e disponeteli fino a coprire tutto il fondo. Versate e spargete parte della crema preparata precedentemente fino a coprirli completamente, in maniera omogenea. Ripetete questo ultimo passaggio, fino a formare due o tre strati (in base alla grandezza della pirofila).

A questo punto il tiramisù alla frutta è pronto e va fatto riposare in frigo. È possibile mangiarlo dopo tre o quattro ore.

 

Se ti è piaciuta la ricetta, mettiti alla prova con il nostro gioco “Indovina la ricetta“. Verifica le tue conoscenze culinarie ed ottieni un simpatico omaggio targato Terrazze Enoteca & Ristorante.

post

Venezia, torna la regata storica il 4 settembre

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica.

Venezia è una città non solo incantevole e caratteristica, ma dal grande e glorioso passato, con una storia lunga e tortuosa, tutta da ricordare e rievocare. Sta proprio qui il significato della tradizionale regata storica, che i primi di settembre torna a incantare (quest’anno è il 4 settembre) i canali di Venezia.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

La regata storica si articola in più parti. Si inizia con il corteo storico e in seguito si prosegue con la Voga alla Veneta.

Il corteo storico è incredibilmente colorato e rievoca il passato della Repubblica Marinara, quando Venezia era una delle città più forti e influenti del Mediterraneo. Decine e decine di imbarcazioni tipiche sfilano nei canali, con gondolieri in costume e con le alte cariche d’epoca. Storia e tradizione, colori e festa: lo spettacolo è garantito.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

Si procede con una particolarissima competizione. La gara di Voga alla Veneta è unica nel suo genere, tenuta solo nella laguna di Venezia. In questa giornata diverse squadre si sfidano nella Voga alla Veneta, uno sport dalle antiche origini, con una tecnica completamente diversa rispetto al normale canottaggio. Si sfrutta la forza di due remi e soprattutto… si voga in piedi! Si tratta di uno sport completo ed impegnativo, molto legato all’identità e alla storia della città di Venezia.

Oggi gli atleti sono divisi in base all’età e per tipologia di imbarcazione.

Andare a Venezia in occasione della regata storica significa assaporare un pezzo di storia, l’identità dei veneziani, la loro cultura e le loro passioni. Significa riuscire a calarsi ancora di più in una realtà oscura e affascinante come quella di Venezia.

Se si vuole poi unire relax e piacere ad una visita a Venezia, ed approfittare per vedere anche Treviso e le bellezze limitrofe, un luogo in cui soggiornare può essere l’Hotel Le Terrazze, a Treviso, completo di Spa e ristorante.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

A Venezia la storia prende forma e colore grazie alla regata storica, con il corteo storico e con la Voga alla Veneta, competizione tradizionale.

post

Pelle e capelli secchi, come rimediare ai danni del sole

Il mare e il sole lasciano pelle e capelli secchi e danneggiati. Ecco alcuni semplici consigli per rimediare ai danni subiti.

L’estate e il mare ci fanno bene, ci fanno distendere e rilassare, ci donano un colorito caldo e dorato, ma fanno anche alcuni danni. A settembre, appena rientrati dalle vacanze, i capelli e la pelle sono secchi e rovinati. Questo è dovuto agli effetti disidratanti che hanno il sale ed il sole sia sui nostri capelli che sulla nostra pelle. Quindi come fare a trovare un rimedio alla pelle e ai capelli secchi?

Rimediare Pelle e Capelli secchi

Rimediare Pelle e Capelli secchi

Soprattutto se durante i mesi caldi non si è fatto uso costante di lozioni per capelli e creme protettive per la pelle, i danni possono essere più seri di quanto pensavi e darti preoccupazione. Il sole invecchia la pelle e danneggia i capelli, ma non in maniera irrimediabile.

Per i capelli esistono trattamenti specifici per restituire la naturale idratazione. Insieme a uno shampoo delicato, sui capelli va applicata una maschera o un prodotto senza risciacquo, preferendo prodotti con sericina o cheratina. Necessario (anche se doloroso per le amanti dei capelli lunghi) una bella sfoltita e un’accorciata, eliminando almeno le doppie punte.

Per quanto riguarda la pelle, bisogna procedere a uno scrub specifico e all’uso quotidiano di una crema idratante. Soprattutto per la pelle bisogna fare attenzione, perché la disidratazione può far apparire il viso più stanco e con più rughe. In tal caso, a volte, è consigliabile effettuare alcuni trattamenti più specifici, che ridonino luce e morbidezza. I trattamenti da effettuare sono molteplici e vanno scelti in base al proprio tipo di pelle e alle proprie esigenze.
Lo staff attento e professionale di Spa Le Terrazze, a Treviso, è a tua disposizione per valutare la situazione dei tuoi capelli e della tua pelle, e indicarti il giusto trattamento per te.

post

Sauna, perché farla e quando evitarla

La sauna ha tanti benefici a cui non devi rinunciare neanche d’estate. Scopri quando è consigliabile fare la sauna e quando è meglio evitarla

Hai voglia di rilassarti. Hai lavorato un anno intero e non vedi l’ora di andare in vacanza, magari in qualche posto di lusso, in una sauna, in una Spa, in un luogo in cui essere coccolata e viziata. Ma – capita sempre – arriva qualcuno, tra amici e parenti, che ti dice che è meglio evitare la Spa d’estate perché fa troppo caldo. Niente di più falso! La temperatura interna, infatti, non ha nulla a che fare con quella esterna (senza considerare, inoltre, che oggi tutti i centri estetici sono climatizzati).

Proviamo quindi a spiegare un po’ cosa è la sauna, perché farla e in quali casi è davvero da evitare, sfatando quindi dicerie e luoghi comuni.

Da fare da soli, in coppia o con amici, la sauna, soprattutto se abbinata a bagno turco e doccia a

quando evitare la sauna

quando evitare la sauna

idromassaggio, diventa un vero e proprio toccasana, una dolce pausa in cui è possibile recuperare le forze e le energie. Ti può concedere un benessere immediato, una sensazione di pace e relax, ma è anche altro.

La sauna, infatti, ha anche benefici sul corpo, perché aiuta a snellire ed eliminare le tossine e le impurità. Per toccare con mano risultati soddisfacenti, la sauna andrebbe fatta a intervalli regolari, anche una volta al mese. L’ideale sarebbe fare la sauna dopo l’attività fisica!

I casi in cui la sauna va evitata non sono molti. È da evitare per chi soffre di malattie cardio-vascolari e di insufficienze renali. È inadatta per le donne in dolce attesa e durante il ciclo mestruale.

Quindi, in generale, puoi concederti la sauna in qualunque periodo dell’anno, purché tu non stia affrontando una gravidanza e che tu stia in buona salute. Quindi non aspettare e perché non provarne una elegante e raffinata come quella dell’area Idrorelax di Spa Le Terrazze. Noi ti auguriamo buon divertimento e… buon relax!

post

Sport in gravidanza: cosa posso fare e cosa devo evitare

Sport in gravidanza: cosa posso fare e cosa devo evitare per fare del bene a se stesse ed al proprio bambino in tutta sicurezza.

 

Molte di noi credono che non sia possibile fare Sport in gravidanza. Ma lo sport, per molte di noi, è una delle attività che scandisce la nostra quotidianità, a cui dedichiamo diverse ore a settimana. Ci fa star bene, ci aiuta a rilassarci e a mantenere il nostro equilibrio psico-fisico.
Diversi studi hanno dimostrato che è possibile fare Sport in gravidanza, ma con alcuni accorgimenti. Quindi:
Cosa posso fare in caso di gravidanza?
Cosa invece evitare?

Nonostante le nostre capacità siano ridotte e nonostante sia opportuno evitare traumi all’addome o carichi eccessivi, lo sport in gravidanza fa bene, sia alla madre che al bambino. Una precauzione necessaria è quella di parlarne con il proprio medico e di effettuare le giuste analisi, per accertarsi che non ci siano particolari controindicazioni.

L’attività fisica aiuta a controllare il peso, mantenere l’elasticità dei muscoli e a sopportare meglio il pancione che cresce. Inoltre aiuta la circolazione e rende più semplice il parto.

Sport in gravidanza: cosa posso fare e cosa devo evitare

Sport in gravidanza: cosa posso fare e cosa devo evitare

Sì allo Sport in gravidanza, ma con alcuni accorgimenti:

  1. Evita di superare i 150 battiti cardiaci al minuto.
  2. Evita sport di contatto come boxe, karate, judo e arti marziali in generale, oppure salti e scatti, che possono essere traumatici per il bambino.
  3. Pratica pure la corsa, purché lenta, ma interrompila nell’ultimo trimestre

Quindi non rinunciare alla tua passione, lo sport, anche se sei in dolce attesa. Continua a fare tutto quello che facevi prima, non rinunciare alla tua vita.

E nel caso invece tu sia una donna che non ha mai fatto attività fisica prima, non è mai tardi per iniziare, è sempre invece il momento adatto! Cogli questa opportunità e fai del bene a te e al tuo bambino, magari iniziando con un’attività dolce, come lo yoga, il pilates o la danza.

 

Per le donne in dolce attesa, abbiamo ideato uno specifico programma Mamma Fit, ideale per chi desidera fare Sport in Gravidanza.