post

Semipermanente: avanguardia ed effetto nature

Trucco semipermanente: l’ultima frontiera del make up

Innovativo e sviluppato solo negli ultimi anni è il trucco semipermanente, una specialità estetica che consiste, ad opera di studiati applicatori, l’inserimento sotto cute di pigmenti di diversa colorazione, in base all’effetto che si vuole ottenere e alla zona trattata. Questa tecnica chiamata “micropigmentazione” permette di intervenire su piccole zone del viso di cui non si è del tutto soddisfatti e limita l’ utilizzo di make up talvolta troppo aggressivi che possono causare il danneggiamento della pelle. Il trattamento permanente può essere eseguito con tre diverse modalità: la micropigmentazione estetica che mira a definire i contorni di sopracciglia occhi e labbra; la micropigmentazione correttiva consiste nella vera e propria variazione di forme errate o colori non idonei; la micropigmentazione ricostruttiva interviene su cicatrici visibili, lentiggini, calvizie e così via. Sono tutte e tre tipologie di intervento per nulla dolorose (anche se soggettivo, generalmente la sensazione è quella di un lieve fastidio), eseguite da uno staff esperto e preparato, che interviene, senza essere troppo invasivo, su piccoli difetti al fine di ottenere un miglioramento dell’aspetto di chi ne sente l’esigenza, che potrà successivamente apprezzarsi un po’ di più.

Truco SemipermanenteIl viso: l’equilibrio in ogni cellula
Quale donna non vorrebbe liberarsi dal terrore di trovarsi con sopracciglia di forma diversa, o avere sempre labbra carnose tutte da baciare, o ancora delle ciglia così lunghe da catturare lo sguardo di chiunque? Grazie ai trattamenti di trucco semipermanente erogati dalla Spa “Le Terrazze” tutto questo d’ora in poi non sarà più solo un sogno. Il viso di donne e uomini è al sicuro da errori di bellezza o difetti congeniti che possono, seppur minimi, mettere a disagio. Attraverso l’effetto “lifting” applicato all’arcata sopraciliare sarà possibile ringiovanire tutta la zona oculare, e di conseguenza tutto il volto. L’infoltimento delle ciglia e l’effetto “allungante” combinati in perfetto equilibrio conferiranno all’occhio quello sguardo ammiccante degno delle più grandi star hollywoodiane. Il contorno labbra permetterà di ampliarne o ridurne le dimensioni, consentendo così di regolare eventuali asimmetrie oltre a dare alla bocca una tonalità naturale e sensuale.

Truco Semipermanente

Naturalezza e qualità, il segreto dei pigmenti
La volontà di correggere piccoli difetti combinandosi perfettamente alla tecnica tattoo permette di ottenere un risultato davvero naturale. C’è però da dire che, nonostante come un vero tatuaggio il colore va applicato sotto la pelle, non mantiene tuttavia le sue caratteristiche intatte nel tempo. La durata varia da 6 a 18 mesi a seconda del tipo di pelle trattata, della zona e della profondità dell’applicazione e per mantenere sempre perfetto il risultato, dopo 12 mesi, è consigliato un trattamento di “ritocco” per ravvivare la pigmentazione del colore. I colori utilizzati dalla Spa “Le Terrazze donano un effetto “fisso” ma naturale, essendo composti da pigmenti farmaceutici di altissima qualità che garantiscono fermezza durante l’applicazione e durante il successivo assestamento sotto cute. Ma i vantaggi dei trattamenti “Le Terrazze” sono davvero tanti: antiviraggio, tenuta, nickel free, 0 metalli pesanti ammine aromatiche o sostanze dannose. La massima qualità nel più piccolo dei pigmenti.

Truco Semipermanente

Affidarsi alla mano esperta dei professionisti “Le Terrazze” sarà un vero piacere sia per il corpo che per l’anima, permettendosi di riscoprire un pizzico di sano nichilismo che favorirà il rinnovamento di carica, grinta e vigore, assopiti da ritmi frenetici di vita e consuetudini giornaliere che si vorrebbe poter spezzare.  Spa “Le Terrazze” è un luogo senza tempo, dove abbandonare le preoccupazioni di tutti i giorni per ritrovare se stessi.

post

La Marca diventa Vegan

La Marca diventa Vegan

Essere Vegan non è solo uno stile di vita, una moda come pensano in molti dopo il boom di “adesioni” di questi ultimi anni. Essere Vegan rappresenta una missione di vita, volta al rispetto dell’ambiente, del mondo animale, al miglioramento della propria salute e più in grande a combattere la fame nel mondo. L’arma vincente di questa ambiziosa scelta etica, che una persona decide di appoggiare, è la rinuncia. Si rinuncia a nutrirsi di carne di qualsiasi genere, selvaggina, pesce, volatili ma non solo. Si rinuncia a tutti i derivati animali come latticini, grassi, uova, e simili, poiché per ottenerli l’uomo esercita una azione aggressiva sulla natura e le sue componenti, danneggiandola o peggio uccidendola un po’ per volta. E come poteva reagire una realtà come quella trevigiana, mentalmente aperta, ricca di storia, culture assai diverse le une dalle altre sebben perfettamente amalgamate, al diffondersi così repentino di questo orientamento? Abbracciando appieno la causa e adattandosi in tutti gli ambiti al fine di migliorare la vita di coloro che vengono comunemente definiti “Vegani”.

Marca Vegana, piatto Vegano

Piatto Vegano

Ristorante “Le Terrazze”: adattamento con gusto
Rinunciare ai derivati animali non risulta una scelta facile, anche se l’incondizionato amore per la natura e gli animali è un buon deterrente alle innumerevoli tentazioni che si trovano in qualunque ristorante. Ecco allora che il ristorante “Le Terrazze” di Villorba (Tv) è la giusta soluzione per mantenere la propria coerenza senza rinunciare al gusto poiché offre un menù davvero completo di pietanze che rispettano lo stile Vegan. Uova, latte, oli animali e così via, sono banditi, per lasciare posto ad un tripudio di abbinamenti vegetali, legumi e sostituti della cucina tradizionale in modo tale da offrire tutta una serie di alternative che permettano al cliente Vegano di soddisfare il palato e la propria filosofia morale personale. Le portate diventano un punto d’incontro tra tradizione e nuovo pensiero, preparate da chef esperti e sapienti che cucinano con passione e attenzione massima alla derivazione degli ingredienti di primissima qualità. I piatti sono serviti con eleganza da uno staff di sala raffinato e cordiale che, della professionalità, ne fa una religione. L’ambiente dall’atmosfera fusion sembra quasi fermare il tempo permettendo al cliente Vegano ma non solo, di godersi un’ottima cena nel rispetto della vita animale. Ma Le Terrazze non è solo un ristorante, offre infatti diversi servizi, come quello di catering, cerimonie e matrimoni tutti disponibili nella versione con menù Vegan.

Marca Vegana, ntipasto Vegano

Antipasto Vegano

Non solo cibo ma anche cocktail
Se si parla di etica Vegan la si deve contemplare in tutte le sue forme, non solo nell’aspetto alimentare ma anche per quanto riguarda tessuti, prodotti per la casa o di bellezza e…i cocktail! Perché l’essere vegani non ha orari come i turni di lavoro e all’aperitivo non ci si può dimenticare il proprio stile di vita in favore di alcool e stuzzichini sfiziosi. Ecco allora che a partire dal 31 marzo 2017 il complesso “Le Terrazze” ha dedicato uno spazio esclusivo al pre – after dinner Vegan friendly ideato in collaborazione con l’Istituto alberghiero Alberini. Si chiama “Botanic” il nuovo concept dell’aperitivo trevigiano; un lounge-bar moderno, che gioca con luci e ombre per avvolgere il cliente in un caldo abbraccio, offrendo una variegata quantità di cocktail e stuzzichini tutti garantiti BIO e VEGANOK, sorseggiabili in compagnia di buona musica che sia dj set oppure dal vivo. Per l’estate ormai alle porte sono previste anche serate a tema, comprensive di intrattenimento che mirano a fare del “Botanic” il nuovo punto d’incontro per vegani e non solo disseminati per la Marca trevigiana.

Mara Vegana, Cocktail vegani

Cocktail vegani

Il complesso “Le Terrazze” ancora una volta si riconferma all’avanguardia e avanti con i tempi, arrivando a trasformarsi, in questo caso, in un vero e proprio viaggio alla scoperta del rispetto per gli animali; un viaggio che comincia in Via Roma 76/15 a Villorba.

post

Ville Venete: magnificenza monumentale

Se si vuole ritrovare storia, arte e cultura racchiuse insieme come in uno scrigno, il posto giusto è la Marca trevigiana, una magica porzione di Veneto disseminata di oltre 4.000 edifici, definiti comunemente Ville Venete, ognuno con la propria origine e le proprie caratteristiche, contestualizzate in un quadro politico-sociologico ed economico che interessa non solo il territorio e le strutture in se ma anche l’origine delle famiglie che hanno contribuito nel tempo ad arricchire il patrimonio artistico veneto grazie all’intervento di molteplici architetti, pittori e scultori. Descrivere tutte le strutture che rientrano in questo affascinante circuito sarebbe davvero impossibile, ecco allora una piccola selezione che consente solo di avvicinarsi a capire l’immensa ricchezza artistica della provincia di Treviso.

Le Ville

Villa Pisani (Stra)
Parlando del circuito delle Ville Venete il primato per sfarzosità e magnificenza spetta sicuramente a Villa Pisani, un monumentale edificio di ben 114 stanze. Detta la “Regina delle Ville Venete” o “La Nazionale”, Villa Pisani, situata a Stra a cavallo tra la provincia di Treviso e quella di Venezia, rappresenta un gioiello di architettura e design, connubio perfetto tra lo stile del tardo ‘700 e quello ottocentesco. Degni di nota sono anche la grande quantità di ettari che si estendono adiacenti la Villa; un parco, famoso per il suo intricato labirinto di siepi di Bosso, che funge da cornice perfetta alla grande protagonista.

Villa Pisani

Villa Pisani

Villa Barbaro (Maser)
Questa incredibile Villa, situata a Maser, nasce dal genio del più importante architetto di tutti i tempi, Andrea Palladio. Fu costruita tra il 1554 e il 1560 per volere dell’umanista Daniele Barbaro e suo fratello. Gli interni furono invece affidati alla mano di un altro dei massimi esponenti del periodo, Paolo Veronese, che la arricchì di affreschi ammirabili ancora oggi e che fanno di questa strabiliante abitazione signorile, un gioiello non solo da ammirare ma anche preservare; la Villa infatti è inserita nel Patrimonio dell’UNESCO.

Villa Barbaro

Villa Barbaro

Villa Giustinian (Roncade)
Detta il “Castello di Roncade” dall’omonima cittadina su cui posa le sue fondamenta, questa atipica Villa Veneta è munita di vere e proprie cinte murarie che la rendono assolutamente diversa da tutte le altre Ville del circuito. Durante la seconda guerra mondiale fu occupata da un comando tedesco e proprio le cinte murarie furono gravemente danneggiate, successivamente fu poi ristrutturata per poterla riportare al suo iniziale splendore.

Villa Giustinian

Villa Giustinian

Villa Rovero (San Zenone degli Ezzelini)
Voluta da Girolamo Di Rovero, questa Villa situata a San Zenone degli Ezzelini, restò immutata per tutto il ‘600. Solo a partire dal 1710 subì tutta una serie di cambiamenti che la portarono ad avere l’attuale conformazione. Questa Villa è estremamente legata al territorio circostante e alla stessa popolazione che ricorda ancora oggi come fin dal XVII secolo, all’interno del complesso, furono decisi mediante appositi contratti con la Famiglia Rovere, feudataria dell’epoca, il futuro destino dei propri antenati sia per la terra che per le abitazioni.

Villa Rovero

Villa Rovero

Palazzo Pretorio (Asolo)
Asolo rappresenta solo un piccolo punto nella vastità culturale della Provincia di Treviso, tuttavia concentra su di se il fascino strategico dell’Antica Roma. Il Palazzo pretorio, nominato per la prima volta dall’Imperatore romano Ottone I in un atto del 969, acquisisce precisamente la sua denominazione, e ne indica quindi l’origine, in epoca romana. Esso infatti si trova in posizione strategica tra Patavium (Padova) e la via commerciale Claudia Augusta Altinate. Questo palazzo testimonia quanto importante fosse non solo ostentare la sfarzosità ma anche studiare i posizionamenti strategici per rendere economia, difese e comunicazioni di un Impero davvero forti ed efficienti.

Palazzo Pretorio

Palazzo Pretorio

A riconferma di quanto il mondo della Marca trevigiana sia ricco di sfumature storiche queste ville provenienti da diversissime epoche e disseminate in tutto il territorio offrono uno spunto stimolante per conoscere le nostre origini. Alla ricerca di ciò che siamo stati, attraverso ciò che tanto gelosamente abbiamo preservato nei secoli.