post

Nell’ambito dell’architettura religiosa spesso si manifestano i più grandi esempi di arte e cultura italiana. Ne è un esempio il maestoso Duomo di Parma : una struttura che fonde arte, storia e fede da ormai novecento anni. La Cattedrale di Parma è uno degli esempi più notevoli di arte Romanica in Italia, ma la sua facciata non è che uno scrigno che nasconde ricchezze e bellezze senza tempo, come i bassorilievi di Benedetto Antelami e gli affreschi di Antonio Allegri detto il Correggio.

Varcare le soglie di questo splendido edificio vuol dire immergersi in un antico ed importante luogo di culto, ed avvicinarsi non solo a Dio, ma anche all’arte e alla bellezza. Se hai mai pensato di fare una gita a Parma, allora è proprio da qui che devi partire, perché la bellezza di questo luogo è senza pari.

La storia del Duomo di Parma

La storia della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Parma è in realtà molto più antica rispetto all’età della costruzione che oggi possiamo vedere: ha infatti inizio con la basilica ecclesia Sanctae Mariae, un edificio religioso paleocristiano che fra il IV ed il V secolo d.C. sorgeva esattamente dove ora troviamo il Duomo. Nel IX secolo la basilica fu interamente distrutta a causa di un incendio, costringendo l’autorità religiosa, l’episcopato di Guibodo, ad avviare la ricostruzione di un nuovo edificio di culto in un luogo poco distante dal sito della basilica.

Destino volle che un secondo incendio, avvenuto fra il 1055 e il 1058, distruggesse nuovamente la basilica. Quindi si iniziarono i lavori per il terzo luogo di culto, a opera del futuro antipapa Onorio II, che ebbero termine nel 1704. La chiesa venne consacrata quasi 30 anni dopo, nel 1106, da Papa Pasquale II. Subì continue ricostruzioni e rifiniture, e nel 1178 fu completata la facciata mentre uno dei più grandi artisti di Parma, Benedetto Antelami, rivedeva l’intera struttura dell’edificio. Fra il 1284 ed il 1291 prese nuova forma anche la Torre Campanaria. Doveva esservi un secondo campanile, che purtroppo però non venne mai eretto.

Non solo gli incendi hanno danneggiato il Duomo, ma anche i fulmini : infatti proprio una saetta, caduta nell’Ottobre 2009, distrusse il famoso Angelo d’Oro che svettava sulla cima del campanile. I lavori di ristrutturazione sono finalmente terminati nel 2015.

cattedrale di parma

L’architettura della Cattedrale di Parma

Il Duomo di Parma, affiancato dal Battistero e dal Palazzo Vescovile, si affaccia sull’omonima Piazza Duomo e vi svetta grazie alla maestosa facciata a capanna, architettura tipica di molte altre chiese del settentrione. Gli esterni sono visivamente e squisitamente romanici, come lo sono anche la pianta e la struttura dell’edificio benché i continui rifacimenti e ricostruzioni abbiano apportato molti elementi rinascimentali nel Duomo. Alcune delle cappelle sono invece decorate in stile gotico.

La facciata

Come già anticipato la facciata della Cattedrale di Parma è a capanna, cioè presenta soltanto due spioventi, ed è suddivisa in due fasce con diverso stile. La fascia inferiore è liscia e priva di qualsiasi decoro, mentre la superiore è decorata da due logge disposte su livelli diversi. Una terza loggia segue invece il contorno degli spioventi.

Al centro sorge il portale principale : anticipato da un protiro con arco a tutto sesto, poggiato su colonne a stile corinzio sorrette da due leoni stilofori, scolpiti da Giambono da Bissone nel 1281.

Questi due leoni sarebbero stati eretti con un chiaro intento religioso e non come semplice decoro artistico. A riportare questo fatto è il cronista medioevale Frà Salimbene, secondo cui le due sculture marmoree furono volute “uno bianco e l’altro rosso in onore della Vergine”. L’erezione dei due leoni sarebbe quindi un’allusione alla duplice natura del Cristo, ovvero quella di uomo e di figlio di Dio. La chiesa è infatti dedicata a Maria, madre appunto di colui che fu uomo e Dio nella stessa persona.

Il leone accovacciato rappresenterebbe infatti Gesù risorto che stringe fra le zampe la morte appena vinta, un richiamo alle Sacre Scritture. Non solo: il leone sostiene sostiene il protiro e così l’intera chiesa, volendo rappresentare come Cristo sostenga la chiesa e la vita di tutti i fedeli.

Il Campanile

La torre campanaria sorge alla destra della Cattedrale e domina il panorama grazie alla sua altezza di ben 63 m. Essa fu eretta in stile gotico fra il 1284 e il 1294, sostituendo la torre precedente. Così come la chiesa, anche il campanile è costruito in mattoni ma ha un colore leggermente più scuro; ai suoi bordi si trovano inoltre blocchi di marmo. La torre campanaria è coronata da una balaustra in marmo con delle guglie e una cuspide piramidale a base ottagonale. Sulla sommità della cuspide è collocato il famoso Angelo d’Oro di Parma, copia dell’originale del XV secolo attualmente conservato ai Musei Vaticani.

Lo sfarzoso interno

interno duomo di parma

La struttura del Duomo di Parma è tutt’ora quella di epoca romanica risalente al XI secolo. Si tratta di una croce latina, avente tre navate con sette diverse campate.. Al centro troviamo la navata centrale, larga il doppio delle altre, sormontata da una volta a crociera. Il ciclo di affreschi che ne adorna le pareti è di Lattanzio Gambara, ed egli lo sviluppò su tre diverse fasce: alla più bassa corrispondono i racconti dell’Antico Testamento, in mezzo troviamo invece il Nuovo mentre in alto troviamo delle figure allegoriche.
Sulla controfacciata troviamo un enorme e sfarzoso affresco dello stesso Gambara, che rappresenta l’Ascensione di Cristo.

La cupola ottagonale è interamente ricoperta dagli affreschi del Correggio, Antonio Allegri, il quale vi rappresentò l’Assunzione della Vergine essendo appunto la chiesa eretta in nome di Maria. Il dipinto è davvero enorme : ricopre una superficie di quasi 650 metri quadrati, ed è un brillante esempio di un’arte quasi elevatrice dello spirito umano, in grado di lasciare gli spettatori senza parole. Davvero una bellezza senza eguali! .

Il presbiterio è invece un’aggiunta recente avvenuta nel 2009, realizzato in stile moderno dall’architetto catalano Jaume Bach ; una struttura particolare interamente di bronzo.

Nel Duomo di Parma troviamo infine la Cripta. Questa struttura, rimasta tipicamente romanica nei tratti nonostante i frequenti rimaneggiamenti, è il luogo di culto intimo per eccellenza di Parma. Il suo soffitto decorato con volte a crociera è sorretto da maestose colonne di marmo, ed invita al raccoglimento ed al silenzio.

Perché visitare Parma

Il Duomo di Parma è senza dubbio un esempio di architettura religiosa magnifico e mozzafiato, soprattutto per la ricchezza e lo sfarzo dei decori e degli affreschi degli interni. Ma moltissime altre meraviglie si nascondono in questa terra di musica, arte e gastronomia. Una visita alla città è certamente obbligata e se ancora non sai dove soggiornare ti consiglio lo splendido ed elegante Hotel Bifi, un albergo dove potrai vivere un soggiorno rilassante e piacevole, arricchendo così ancora di più il tuo viaggio in queste bellissime terre.

 

Fonti:

-Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Duomo_di_Parma

-Piazza Duomo Parma: http://www.piazzaduomoparma.com/cattedrale/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *